Censimento del Succiacapre

La Stazione Ornitologica della Riserva dei Laghi Lungo e Ripasottile dà notizia che: anche per la specie Succiacapre (Caprimulgus europaeus), si è svolto, dopa attenta osservazione, il relativo censimento che iniziato nel mese di maggio si è concluso a fine settembre.
Anche questi uccelli appartengono alla categoria migratori, classico è il loro arrivo nelle nostre terre durante il periodo primaverile, con relativa nidificazione, al pari della ripartenza autunnale per lo svernamento in Africa.
Il succiacapre è un uccello prevalentemente notturno, che nidificando al suolo, adotta un sistema di mimetizzazione che lo porta ad assomigliare ad un comune sasso.
Il suo particolare nome deriva, come vuole la tradizione, dalla credenza popolare dei pastori, i quali, vedendolo negli stazzi in mezzo al bestiame, alla ricerca di insetti sul letame, pensavano succhiasse il latte delle capre.
Questa specie che può raggiungere una lunghezza di 26 cm, è caratterizzata da un piumaggio di colore grigio-bruno fittamente maculato e striato di nero-bruno, tale da renderlo praticamente invisibile anche di giorno mentre posa sugli alberi o al suolo.
Nel link sottostante è possibile scaricare la relazione dei dati raccolti nel 2014.

 

File allegati:

1 - Relazione censimento del Succiacapre.pdf

Articoli più Visti

 

L'istituzione della Riserva Parziale Naturale dei Laghi Lungo e Ripasottile è un fatto di straordinaria importanza che risale al 1985, quando nel giugno venne emanata una Legge Regionale apposita, la n. 94, che tra l'altro affidava la gestione della Riserva stessa ad un Consorzio tra i Comuni di Cantalice, Colli sul Velino, Contigliano, Poggio Bustone, Rivodutri, Rieti, la Comunità montana Montepiano reatino, 5° zona.

contatti

Sede centrale